Privacy Policy Cosa vedere a Meknès: la più piccola delle città imperiali | ilmaurodel78
Meknes - copertina
Africa,  Marocco,  Ultimi articoli

Cosa vedere a Meknès: la più piccola delle città imperiali

Meknès dista da Marrakech 450 km ed è nota anche come la Versailles marocchina.

Dopo colazione partiamo da Marrakech, attraversando la regione settentrionale, sfiorando Casablanca e il suo mare, arrivando a Meknès a fine mattinata. E’ stata una citta imperiale e capitale ismaeliana, famosa per i suoi 40 km di mura, la porta mbab mansour, il palazzo reale con le sue splendide scuderie, il bacino Agdal e la medina.

Meknes - Babelmansour2

Partiamo la visita della città dall’incantevole e ampia piazza centrale della città: Place el-Hedim, il cuore pulsante della medina. È un ampia piazza aperta, frequentata soprattutto da gente locale, e già solo passeggiare qui è un esperienza. Oggi è una splendida giornata e vale la pena soffermarsi per bere un the da una terrazza, assaggiare dei dolci al miele o le ottime olive (dicono le migliori del Marocco!)

Meknes - Placeelhedim

 

Nella parte sudorientale della piazza el-Hedim vicino alla residenza del sultano, svetta la magnifica porta fulcro del complesso della Città imperiale: Bab el-Mansour.

È un incredibile porta d’accesso, la più maestosa di tutte le porte imperiali del Marocco. Edificata nel 1732 per il sultano Moulay Ismail, il quale decise di installare a Meknes la capitale del proprio regno. La porta fu progettata da un cristiano convertito al Islam (Mansour = rinnegato) e presenta bellissime iscrizioni e incantevoli colonne di marmo, provenienti da un importantissimo sito archeologico situato a una decina di chilometri da Meknes, ossia l’area dell’antica città di Volubilis.

Meknes - Babelmansour

 

Ci addentriamo nella medina di Meknes che è in assoluto il quartiere antico e storico della città.

Risale all’XI secolo come cittadella fortificata e nel corso dei secoli fu circondata da alte e affascinanti mura protettive, assumendo l’aspetto attuale.

Meknes - medina1

All’interno della Medina è stupendo perdersi nei vicoli, guardare la gente lavorare e contrattare. Fotografare come il sole dona colori e sfumature differenti in base alle prospettive. Assaporare i gusti e i profumi che escono da queste antiche botteghe.

Meknes - medina

Volutamente scoviamo la splendida e piccola Madrasa: Medersa Bou Inania, ossia la scuola coranica di Meknes.

La raffinatissima scuola coranica è stata consacrata nel 1350 da Abu Inan Faris. Un tripudio di soffitti in legno, pareti decorate con finissimi mosaici e porte decorate con elaborate iscrizioni ornamentali.

Meknes - Madrasa2

 

Saliamo fino al tetto dove il panorama è stupendo: il minareto verde acceso svetta su centinaia di tetti malconci.

Meknes - tetti

 

Sul lato della piazza opposto alla porta, si entra nella Mellah: il quartiere ebraico. Ma ci limitiamo a girovagare tra le numerose bancarelle che vendono la qualsiasi.

Meknes - mercato

Si costeggia il palazzo imperiale, attivo ancor‘oggi e si arriva ad una gigantesca costruzione, Heri es-Souani

La struttura ospitava i granai reali, seminterrati e con mura spesse per mantenere la temperatura fresca e costante. Ancor oggi, anche se fuori è caldo e afoso, qui dentro c’è quasi bisogno della felpa.

Meknes - Heriessouani1

Accanto ai granai si trovano le scuderie reali, un posto meraviglioso, un sistema di archi posti su 23 navate, il tetto è crollato nei secoli e il sole entrando fa risplendere di un ocra acceso le numerose colonne.

Meknes - Heriessouani

Tornando alla macchina costeggiamo il bacino Agdal, subito nelle vicinanze del palazzo reale. Non è altro che un lago artificiale che dona però un senso di modernità, di pulizia e di pace alla zona.

Meknes - agdal

Meknes spesso non rientra nei tour del Marocco in quanto più piccola e meno turistica delle più famose città imperiali come Marrakech o Fes. E questo è davvero un peccato in quanto è una cittadina ricca di architetture che ne ricordano il passato imperiale, con un’atmosfera autentica e a misura d’uomo.

Ora è il momento di riprendere il viaggio alla volta di Fès!

 

Un commento

  • reverse osmosis water

    An outstanding share! I have just forwarded this onto a coworker
    who was conducting a little homework on this. And he actually bought me breakfast due to the fact that I stumbled
    upon it for him… lol. So let me reword this…. Thanks for the
    meal!! But yeah, thanx for spending some time to talk about this issue here on your web site.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: