Privacy Policy Verona, cosa vedere nella mia città! | ilmaurodel78
Verona da Castello San Pietro
Italia,  Ultimi articoli

Verona, cosa vedere nella mia città!

Lo sapete, la mia passione è viaggiare, prendere un aereo e visitare luoghi lontani, guardare le persone e conoscere nuove culture. Sentire parlare lingue diverse e confrontarmi con tradizioni opposte alle mie. Ciò non toglie, che vivo in una delle più belle città di Italia: Verona. Mi sono detto quindi: si, la passione è scrivere del mondo, ma perché non rendere omaggio anche alla mia stupenda città? Spero di darvi consigli utili che possano, come me, farvi innamorare di questa splendida città. Verona non è solo nota per essere palcoscenico dei due amanti più famosi al mondo, Romeo e Giulietta, ma bensì una città perfetta, in qualsiasi stagione, per un weekend di divertimenti. Musei, vie dello shopping, spettacoli, ogni stagione vi offrirà qualcosa di magico.

La storia (in breve) di Verona

La bellezza e l’armonia paesaggistica di Verona sono indubbiamente frutto del fiume Adige, che con le sue anse attraversa la città e le colline che la circondano. Favorita dalla collocazione geografica, già ai tempi etruschi, Verona aveva un suo nucleo abitativo. Le prime notizie certe risalgono al IV secolo a.C. Divenne municipium romano nel 49 a.C. Nel XII secolo fu fondato il libero Comune e il volto della città cominciò ad arricchirsi di costruzioni civili e religiose. Nella seconda metà del XIII secolo si affermò la signoria degli Scaligeri che ne guidò le sorti fino al 1387. Nel 1405 Verona passò alla Repubblica di Venezia. Nel 1801 la frontiera della Repubblica Cisalpina fu spostata all’Adige e Verona si trovò divisa in due: la riva destra francese, quella sinistra austriaca. Arrivò il 1805 e l’intera città ritornò sotto il dominio napoleonico fino al 1814, anno in cui fu definitivamente annessa all’Impero Asburgico. Entrò a far parte del Regno d’Italia nel 1866. 

La sfarzosa epoca romana ne creò le basi: dall’Arena al teatro Romano. Il centro nevralgico politico: piazza delle Erbe e le porte di accesso: porta Leoni e porta Borsari, agli scavi Scaligeri. Il centro storico unisce epoche diverse: dai resti romani ai palazzi del Settecento, passando attraverso l’architettura medievale a quella rinascimentale. La città è contornata, ovunque da antiche mura: delle mure romane rimane ben poco mentre le mura comunali tra Castelvecchio e Ponte Aleardi sono ancora in ottimo stato. Il perimetro fatto erigere dai signori di Verona fu rinforzato dai Veneziani prima e dagli Austriaci dopo. Le porte monumentali, le mura e le fortificazioni son ancora oggi in buone condizioni.

Come arrivare a Verona

Verona è facilmente raggiungibile con ogni mezzo di trasporto: l’Aeroporto è bel collegato con l’Italia e con l’Europa. La stazione ferroviaria essendo sulla tratta Milano – Venezia, Bolzano – Napoli è uno snodo comodo da raggiungere. La città è anche un buon punto di partenza per esplorare il resto del Veneto.

Cosa vedere a Verona

1. Piazza Bra

Cuore pulsante di Verona, grande e con al centro l’Arena. Locali e bar animano la piazza. D’uso comune (soprattutto turistico) è accomodarsi per osservare il passeggio e bere un buon caffè. Il versante meridionale ospita la Gran Guardia, palazzo risalente al Seicento. Sul lato orientale troviamo in tutta la sua bellezza Palazzo Barbieri, costruito nell’Ottocento e oggi sede del Comune di Verona. 

2. Arena di Verona

Simbolo della città, l’Arena di Verona attira ogni anno milioni di visitatori, non solo per la sua bellezza e la sua storia ma anche per gli importanti eventi e concerti che ospita. Ogni estate infatti l’Arena diventa il più grande teatro lirico all’aperto del mondo. Costruita per deliziare il popolo romano con scontri tra gladiatori, l’Arena può accogliere oggi circa 20.000 spettatori: si tratta del terzo anfiteatro romano per grandezza, dopo il Colosseo e l’Anfiteatro di Capua.

L'arena

3. Via Mazzini

E’ la via dello shopping per eccellenza. Parte dall’Arena e termina con Piazza delle Erbe. Guardate anche verso l’altro. La strada è costeggiata da bei palazzi storici. La via è stretta e nei periodi di maggior affluenza turistica potrebbe risultare claustrofobica.

4. Piazza delle Erbe

Antico foro romano, all’incrocio del cardo e del decumano massimo, considerata come una delle piazze più belle d’Italia, Piazza delle Erbe è uno splendore. Dalla forma fusolare, la piazza è un mix di stili, storia, profumi e odori. Vi si affacciano il Palazzo della Ragione, le Case Mazzanti, il Palazzo Maffei, la Casa dei Mercanti. Il centro della piazza è dominato dalla fontana della Madonna Verona costruita nel Trecento.  Il principale tempio della città Il Capitolium, si trova proprio qui, a 9 metri di profondità!

Piazza delle Erbe dalla torre dei Lamberti

5. Piazza dei Signori

Passate sotto l’arco a cui è appeso una costola di balena e vi troverete in piazza dei Signori, un incantevole angolo medievale di Verona. Circondata da edifici che ci riportano alla mente i tempi dei cavalieri in armatura. Sorgono due imponenti edifici realizzati dagli scaligeri: Il palazzo di Cansignorio e quello di Cangrande. Coronato della tipica merlatura ghibellina, tale palazzo fu riccamente decorato degli interni e una sala fu addirittura dipinta da Giotto!. Qui fu ospitato Dante Alighieri durante il suo soggiorno veronese. Oggi è sede della prefettura.

Torre dei lamberti

Piazza Dante

6. Palazzo della Ragione

Grande edificio del 12º secolo nato per accogliere le magistrature della Verona comunale. Si trova di fronte a piazza dei Signori, dietro piazza delle Erbe, è un importante esempio di palazzo romantico nel quale operavano i rappresentanti della città. Come molti edifici del medioevo, anche il palazzo della Ragione era munito di quattro torri, una per ogni angolo. Di queste oggi ne rimane solo una: la Torre dei Lamberti. La prima costruzione della torre risale al XII secolo, ma è stata ultimata solamente nei secoli successivi: questo spiega il mix di materiali utilizzati per la realizzazione: la parte inferiore è costruita con filari di tufo e mattoni, quella superiore, risalente al XV secolo, è interamente in mattoni. L’orologio venne aggiunto solamente nel Settecento. Assolutamente da fare salire per gli 84 metri che la compongono e ammirare dall’alto Verona. Bellissima la scala della Ragione.

Verona La Scala della Ragione

Verona torre dei lamberti da piazza erbe

7. Arche Scaligere

Le Arche Scaligere, a pochi passi da Piazza delle Erbe, sono un complesso funerario dedicato alla famiglia che scrisse molte sorti di Verona: gli Scaligeri.

Verona le Arche Scaligere

8. Casa di Giulietta

A metà di via Cappello, vi ritroverete davanti alla famosa casa di Giulietta. La casa si trova in una corte interno accessibile fino alle 20. L’entrata alla corte è ricoperta di bigliettini e scritte lasciate dagli innamorati di tutto il mondo. (purtroppo anche da gomme da masticare). Nella corte si affaccia il famoso balcone: qui sotto, secondo la leggenda, Romeo avrebbe dichiarato il suo amore a Giulietta. La casa è visitabile ma è fondamentale, prima di andar via, non dimenticate di scattare una foto con la statua di Giulietta presente nella corte, rigorosamente accarezzando il suo seno!

Verona il Balcone di Giulietta

9. Porta Borsari

Percorrendo Corso Porta Borsari, partendo da Piazza delle Erbe, si raggiunge l’omonima porta. Si tratta di una porta di accesso alla città di epoca romana, risalente al I secolo a.C.

Verona Porta Borsari

10. Castelvecchio 

Su corso Cavour, adagiato sulle sponde dell’Adige, si trova il castello di Verona costruito nella metà del XIV secolo per volontà di Cangrande II della Scala. Come noterete il castello ha le mura che lo dividono dalla città. Furono erette proprio per evitare sommosse popolari. Il castello è stato ristrutturato niente di meno che da Carlo Scarpa. Bellissimo il suo ponte sull’Adige.

Verona Ponte di Castelvecchio

11. Chiese

Le chiese a Verona sono innumerevoli e stupende, alcune sono:

Il Duomo: Costruito sopra le macerie di due chiese paleocristiane, venne consacrato nel 1187 e dedicato a Santa Maria Matricolare. La struttura è in stile romanico, ma la chiesa è stata profondamente rimaneggiata in epoca gotica e rinascimentale. All’interno è conservata la famosa Pala dell’Assunta di Tiziano. 

La basilica di San Zeno: uno dei monumenti più importanti e ben conservati della città, nonché uno dei capolavori assoluti dell’architettura romantica, citato in ogni testo di storia dell’arte. Costruito intorno al 589 d.C. la facciata va letta come un vero proprio libro. Composto quasi esclusivamente di figure, in modo che il popolo analfabeta, potesse capire. In essa sono rappresentate storie sacre, leggende e avvenimenti storici. 

Verona San Zeno

La chiesa di San Fermo: anche questa chiesa rientra tra i monumenti che si dovrebbero assolutamente vedere, sia per la sua storia, sia per le opere d’arte che vi si trovano all’interno. Si tratta di una chiesa di origini molto antiche (V-VI secolo) costruita su due piani: quello inferiore (romantico) è buio e raccolto, conserva le reliquie dei santi martiri Fermo e Rustico. Quello superiore (gotico) luminoso e ampio per il popolo che andava assistere alle funzioni.

12. Castel San Pietro

Sorge sulla sommità del colle di San Pietro fu costruito dalla famiglia Visconti quando sono subentrati agli Scaligeri. Il castello è stato costruito per essere una caserma sulla cima della collina dalla quale si poteva dominare la città. Al momento l’edificio non ha una funzione vera e propria se non regalare, dalla sua terrazza, la vista più bella di tutta la città. Quindi, gambe in spalla, da Ponte Pietra prendete le scalette e in 10 minuti ci siete. Per i più pigri alla destra del ponte trovate la funicolare che per 1 € vi ci porta direttamente.

Verona dal castello San Pietro

13. Ponte Pietra

Verona, con il fiume Adige che l’attraversa è inevitabilmente costellata di ponti. Ma Ponte Pietra è in assoluto da togliere il fiato. Realizzato attorno al 148 a.C. per collegare la città con la via Postumia.

Verona Ponte Pietra

Verona ponte Pietra dal castello San Pietro

14. Teatro Romano

Abbarbicato sul colle San Pietro, il Teatro Romano costituisce uno degli scorci più spettacolari di Verona. Le sue origini risalgono al I secolo a.C. La sua posizione non è dovuta al caso: la scena posta parallelamente al cardo massimo e come sfondo l’Adige, la cui acqua doveva fungere da sottofondo musicale.

15. Giardino Giusti

Verona è ricca di capolavori di ogni genere e tra questi un vero gioiello relativamente poco noto, ma che bisogna assolutamente vedere: Il giardino Giusti. Costruito verso la fine del quattrocento, si tratta di uno dei pochissimi esempi ancora integri di giardino rinascimentale all’italiana esistenti nel nostro paese. Caratterizzato da ordine geometrico, con alberi e aiuole rigorosamente allineati per formare vialetti, disseminato di statue, fontane e grotte. In questo giardino famoso fin dall’epoca in cui venne creato, sono passati molti personaggi celebri: Mozart, lo zar di Russia Alessandro I, l’imperatore d’Austria Francesco e il grande scrittore tedesco Wolfgang Goethe.

Eventi a Verona

Come ogni città di antiche origini, anche Verona offre manifestazioni molto, molto antiche. Dai giochi medioevali del Tocatì, al Carnevale di Verona che risulta essere uno dei più antichi della storia. Ogni mese la città si ravviva con qualche evento. Dal Verona in Love a febbraio, al Vinitaly, lo Sportexpo e la Fiercavalli. C’è solo l’imbarazzo della scelta, il consiglio che vi do è, se volete visitare la città, date un occhio a questo sito.

Spero di avervi ingolosito almeno un pò, e fatemi sapere se venite a Verona e ve ne innamorate. Se invece ci siete già stati, scrivetemi nei commenti cosa vi è piaciuto di più!


 

 

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: